promuovere siti web  
Web Promotion, Web Marketing,


Promuovere Siti Web

Promuovere siti web

Indice Principale sito

Promuovere siti web - 10 visitatori non bastano
Avete creato, architettato ed anche ottimizzato un sito web ed avete persino considerato tutti gli aspetti del vostro business plan ed il internet marketing.... E mo' ?

Oltre all'inserimento nei motori di ricerche con la corretta ottimizzazione, ci sono altre cose che si possono fare per attirare potenziali visitatori. Motori a pagamento, scambio link, news letter, link popularity, firma del vostro e-mail (signature), forum e newsgroup sono solo alcune delle opzioni disponibili. Molti di questi non costano nulla per essere implementati nelle vostre strategie di webmarketing.

 

Web Promotion, Web Marketing, Tools, Tattiche per il web:
Il concetto di promozione una volta era solamente abbinato al lancio di un sito web dopo il quale si credeva che bastava fare qualche aggiornamento periodico, inserire il sito nei motori di ricerca, crearsi una lista di iscritti per il newsletter ed era fatta.

Questi fattori sono sempre utili anche oggi ma se il web manager non prosegue oltre, rischia di perdere aggiuntivi clienti, non attirare nuovi navigatori, ed invece di vendere 100 venderà solo 10.

Qui sotto troverete alcuni pensieri, idee, strategie e concetti su come promuovere il vostro 'progetto web' una volta che avete ottimizzato le pagine per i motori.

Attenzione, tutto ciò che segue sara piuttosto futile o meno funzionale se PRIMA non avete ottimizzato il vostro sito per i motori.

Il vostro sito, spazio web nome dominio
Il vostro sito è ovviamente lo strumento più importante dell'intero progetto e abbiamo un settore a parte che tratta il design e la strutturazione del sito commerciale per cui vi invitiamo di andare lì se non lo avete già fatto (vedere "Architettura siti web").

Ma oltre al design ci sono fattori importantissimi come il nome del dominio e lo servizio di spazio web ovvero il provider presso il quale ospitate il vostro sito.

Spazio web.
Noi presumiamo che il vostro progetto web è importante per voi per cui perderemo poco tempo in queste pagine a parlare di free-hosting ovvero di servizi che vi offrono gratuitamente uno spazio web.
Gratis non esiste, e se è gratis comunque qualcosa dovrete dare in scambio e se non desiderate essere svincolati a dover usare un subdominio sotto il nome del provider, non dover subire i loro banner sulle pagine oppure un messaggio pubblicitario nei messaggi e-mail... scordate i servizi gratis.

Tra altro, se per caso avete dei siti su free-hosting e li avete inserito nei motori di ricerca con successo, se per caso poi il free provider fallisce (succede) oppure desiderate poi spostare il tutto su un altro provider... solo il fatto di dover riinserire tutte le pagine sui motori di ricerche per indiccizarli di nuovo sarà un tremendo mal di denti.
Per non parlare di tutta la vostra carta intestata e prestampata con biglietti da visita, buste, logo aziendali e impaginazioni pubblicitari dove bisognerà sostituire il vecchio indirizzo web per quello nuovo.

Il vostro sito web è come una casa con poca roba da traslocare se bisogna traslocare ma con molti fattori in più da gestire dopo lo trasloco per cui noi suggeriamo che il minimo che dovreste avere è un vostro personale nome dominio su un buon spazio web.

Scartato dunque i servizi free... non è detto che dovete per forza prendere un server dedicato intero oppure spendere un patrimonio per lo spazio web e vi consigliamo di guardare in giro, di chiedere agli amici, visitare qualche forum prima di decidere dove ospitare il vostro sito.
Su provideritalia.com un nostro sito dal quale noi offriamo servizi professionali a webmaster - hosting e server dedicati inclusi - troverete ampie istruzioni e suggerimenti gratuiti per come scegliere un provider e a quali fattori dare peso prima di comperare spazio web troppo economico o troppo costoso.

Il Nome Dominio è anche un fattore che molti sottovalutano e credono che un qualsiasi nome va bene e che basta poi inserire il sito nei motori e una volta acquistato un certo 'traffico' le cose andranno bene.
Possibilmente vero ma se avete seguito il nostro corso 'Web Manager nr. 1' vi sarete resi conto che il nome dominio gioca un stragrande ruolo nel piazzamento nei search engine.

I motori danno un maggiore peso ad un sito sotto il dominio:
www.spaghetti-export.com
che a:
www.antonioamato.com
Ragionateci. Il primo ha già due termini chiave che si vorrà che gli utenti trovano. Il secondo ha solo un nome che sarà pure famoso in tutta l'italia ma almenochè uno lo sa - se cerca un partner per importare spaghetti in Germania, non farà una ricerca su google per antonioamato.

Uno o più siti e domini ?
Un solo nome dominio, un solo sito NON BASTA.
Per avere successo che va oltre il campichiare bisogna avere dei siti satellitari e l'unico modo intelligente, poco costoso per avere questi è la soluzione 'Spazio Server' ovvero prendere uno spazio server dal quale potete gestire un numero maggiore di nomi domini al costo contenuto ma al valore e condizioni di un server dedicato.
Sul corso WM1 il concetto dei siti satellitari viene spiegato.

Promuovere il sito - Inserimento nei motori
Oltre ad avere un nome dominio, un provider buono ed un sito appetibile, funzionale, veloce a carino - bisogna fare in modo che i vostri clienti sanno della sua esistenza.
E questo si fa ottimizzando il sito ed inserendolo nei motori.
Ottimizzando ed inserendo manualmente sono i primi passi e sebbene ormai le offerte di inserimento sui motori a pagamento abbondano, noi ve li sconsigliamo.
Se non avete pagine web ben ottimizzate per i bot e crawler, inserire i siti manualmente nei motori non serve a molto ed inserirli in programmi a pagamento è sinonimo di buttare soldi nel cesso.

Per cui almenochè il vostro papà è ricco e ha soldi da buttare... QTTIMIZZATE I VOSTRI SITI! Con o senza il nostro corso.

E se non sapete o non desiderate ottimizzare il vostro sito da voi ?
Esistono società che per cifre astronomiche vi ottimizzeranno anche il vostro sito per i motori. La cosa da valutare con questi è che loro vi garantiranno le top posizioni.
Noi - come servizio - ottimizziamo anche siti per i nostri clienti .
Vedere il settore servizio SEO


Pubbliche Relazioni e Pubblicità
Le pubbliche relazioni sono una arte in se e se optate per questa strada, se il vostro budget ve lo permette allora esistono svariate società di PR che assumeranno per voi (ma sotto la vostra direzione) la divulgazione di comunicati stampa e la promozione del vostro sito in modo tradizionale.
Ma se sapete usare un browser, avete un sito decente, e scrivete l'italiano meglio di noi - perchè pagare qualcun'altro ?
Datevi da fare e fate da voi.


Noi siamo convinti che voi, come noi potete assumervi una buona parte anche di altri compiti coinvolti nel promuovere siti web, risparmiando quattrini ed avendo più controllo sulla gestione.

Come ?

Scambio Link
Sembrerà banale ma scambiare link con un altro sito che fa di simile ma non esattamente di concorrenziale di quello che fate voi è un'ottima idea.
Se per esempio voi vendete cd di importazione di musica hip-hop, riuscendo a fare scambio link con un altro sito che vende cd di musiche brasiliane sarebbe utile sia per voi che per loro e sarete entrambi contenti.

Ogni volta che navigate e trovate un sito che è rivolto allo stesso segmento del mercato come il vostro, contattateli e suggerite uno scambio di link.
Non avete nulla da perdere e possibilmente tra dieci contatti, quattro saranno aperti a questi tipi di scambio.
Chiaramente il trucco è di trovare un'altro sito che vende prodotti o servizi simili ai vostri ma non troppo ed un utile strumento per questo sono i motori di ricerche.
Se per esempio il vostro prodotto è pertinente alla Categoria 1, / sub-categoria-A di una particolare categoria su un motore di ricerca, allora cercate altri siti nella Categoria 1, / sub-categoria-B dove possibilmente troverete siti simili al vostro ma non conflittuali a 100%.

Quando scrivete l'e-mail di proposta per lo scambio al sito dove vorreste avere un link bisogna specificare la pagine precisa sulla quale vorreste il vostro link, mostrare che avete visionato il loro sito e che conoscete il settore fornendo anche ragioni perchè anche a loro converrebbe attuare lo scambio con voi. Inoltre dovreste aggiungere un piccolo testo che loro potrebbero usare col link ed invitarli di fare lo stesso. Fornite anchel'url alla vostra pagina di link dove offrite di posizionare il loro link

Link popularity - reputazione
Lo scambio link è anche utile per la link popularity che abbiamo anche trattato nel corso "Web Manager nr. 1- ottimizzare siti per i motori".
La link popularity indica ai motori se il vostro sito è linkato a o linkato da altri siti con molti visitatori.
Ovvero un link da apple.com sul vostro sito potrebbe avere più valore che un link dal sito mianonna.com.
Ma anche dieci link da siti simili a mianonna.com potrebbero influire di più sull'algoritmo dei motori che un solo link da apple.com.
I motori assegnano dei 'voti' al vostro sito a secondo diversi criteri che includono anche il numero di volte che il vostro sito è uscito dalle ricerche degli utenti fatte sul motore stesso ed anche dalla indicizzazione dei bot e crawler che analizzano anche i link presenti sul vostro sito ed a quali siti questi portano.
Altretanto se il vostro sito è più 'rispettato', più 'popolare' allora anche i siti mianonna.com e la stessa apple.com ottengono valore maggiore dal fatto che linkano con voi.
I motori di ricerca hanno un algoritmo di rilevanza dove la link popularity gioca un ruolo principale.
Sul corso "Web Manager nr. 1- ottimizzare siti per i motori" vi mostriamo anche quali strumenti in rete usare e come usarli per verificare la popolarità del vostro sito e quella dei altri.
Sebbene nessun link singolo genera più traffico che i motori di ricerca, se curate bene questo aspetto dei link può anche verificarsi che tutti i link insieme che linkano al e dal vostro sito generano un traffico discreto ed utile.

 

Programmi referral
Inoltre allo semplice scambio link esistono programmi di affiliazione dove voi mandate utenti ad altri siti, loro li mandano a voi e se un'utente compra sul sito dell'altro, l'altro riceve una percentuale. Questi sono i cosiddetti programmi referral.

Forum, gruppi di discussione, e-zine e newsgroup.
Promuovere un prodotto o servizio su un newsgroup potrebbe essere rischioso e da considerare con estrema cura.
Tuttavia se adoperate la giusta strategia ci sono grandi vantaggi.
Da sconsigliare il mandare dei ovvi messaggi promozionali ma meglio usare un indirizzo e-mail non collegato al vostro sito con un messaggio che chiede informazioni su un prodotto specificando almeno due siti, tra i quali il vostro, e chiedendo parere agli altri membri del newsgroup.
Se fatto bene e non troppo spesso, questa tecnica può portarvi tantissimi visitatori.

Altra strategia per i forum e newsgroup è di postare messaggi pertinenti all'argomento offrendo aiuto ed i vostri consigli se è un settore specializzato dove voi siete 'conoscenti' ma meglio se siete esperti.
Attenzione. Voi volete visitatori che visitano poi il vostro sito a causa di quello che voi 'sapete' o offrite come informazioni e NON a causa di quello che vendete. (Almeno per i newsgroup questa è la filosofia base).
Decidono poi loro se acquistare da voi o no - ma almeno arrivano al vostro sito.
I vantaggi dei newsgroup o forum specialistici è ovviamente il target concentrato ovvero se scrivete un messaggio sulla vostra collezioni di francobolli ad un forum di collezionisti di francobolli, potete essere sicuri che i centomila membri di quel forum hanno un interesse in comune - i francobolli.

Un utile ingresso ai forum che trattano il SEO (search engine optimization) è Search Engine Forums, - sarete sorpresi quanti svariati forum hanno tutto orientati attorno il SEO.
A qanto agli e-zine suggeriamo il Web Digest for Marketers
Un altro punto interessante è Jim World dove troverete collegamenti e informazioni su newsletter, forum e altro che ha a che fare con i strumenti per promuovere siti web.
Dato che la maggior parte delle risorse qui elencate sono in inglese suggeriamo il nostro corso "Web Manager' che tratta appunto - tutti questi argomenti in italiano.

Campagne e-mail, bulk e-mail (e-mail in massa) = SPAM
Sebbene il direct mail (roba mai richiesta che vi arriva per posta a casa) nella vita reale funziona bene - sul Web è un altro paio di maniche.
Moltissimi lo odiano e lo considerano Spam nella forma peggiore ma la questione non è se farà male alla vostra società o no (l'immagine buona non è tutto e basta che se ne parla ecc. ecc.) ... la questione è per quale ragione lo vorreste fare.

L'e-mail non viene mai considerato come spazzatura o spam se offre di risolvere un problema a chi lo riceve ma il problema è come indovinare chi desidera ricevere notizie sul vostro prodotto e chi no, e se noi sapessimo la risposta a questo punto non stavamo qui a perdere tempo a dare consigli ma saremmo già a Las Vegas....

La principale differenza tra Direct mail (spam per posta standard consegnata dal postino) ed e-mail è che per il primo, chi spedisce per posta tradizionale si assume le spese della spedizione (francobolli, carta stampata, busta) mentre che per il secondo - Spam - l'intero web paga il prezzo in forma di velocità banda e costi di collegamento per non parlare del tempo e le incazzature generate che la spazzatura ci costa a scaricare, leggere, unsubscriversi ennesime volte e cestinare.
Nostro suggerimento = no spam e no promozioni via e-mail.

Il vostro newsletter.
La migliore strategia per una campagna e-mail è di avere già una lista di persone che sanno che potrebbero ricever notizie da voi.
Questo si ottiene creando un forum vostro o un newsletter mensile dove gli interessati si possono iscrivere volontariamente sul vostro sito.
Noi abbiamo diversi forum, uno solo per gli altri web master che con noi gestiscono server dedicati e spazio server per cui è più una lista tecnica interna non aperta al pubblico.
Ma abbiamo anche la digilist che è un forum per web master e produttori multimediali che è utile per promuovere i nostri servizi e prodotti ma anche per tenerci aggiornati sulle nuove tecnologie avendo contatti con altri del settore.
Considerate questo: se fatto bene - il e-mail 'informativo' spedito alle persone giuste avrà un risultato utile di autopromozione perchè probabilmente chi lo riceve lo racconterà o inoltrerà ad altre due persone. Se fatto male, lo racconteranno a tutti. - Valutate valutate:

Il fattore umano (warmware)
Secondo noi il fattore più negativo che contribuisce al fallimento di molti progetti web, e che degrada molti altri sebbene offrono ottimi servizi - è la mancanza della cura degli utenti e delle loro eventuali domande.
Con questo non intendiamo l'apertura di un numero verde o impiegare 500 centraliniste. Amazon.com operano un concetto del tutto automatico (hands-off) ed è difficile parlare a voce con qualcuno a Amazon ma hanno un servizio e-mail risposta eccezionale.
Per cui valutate seriamente che qualsiasi quisiti, domande e richieste dai vostri eventuali, attuali e passati clienti, vanno considerati e risposti CELERAMENTE.
E questo viene fatto non da messaggini inoltrate in automatico, ne da link a pagine di spiegazioni. Va fatto da voi o comunque dal warmware - persone umane che possono rispondere personalizzando ogni risposta.


Informazioni precise, chiare a botta di idioti o esperti
Secondo alcune statistiche che abbiamo rilevato in rete il 60% - 70% degli eventuali acquisti in rete vengono abbandonati nella fase del carrello, a causa di mancanza di informazioni ed altretanto queste statistiche indicano che fino al 6% degli utenti decideranno di acquistare se ottengono risposte alle loro domande e/o se possono contattarvi senza fare salti mortali.

Tutto questo dovrebbe essere presente nella vostra categoria 'Servizio Clienti' per cui non trascuratelo!


Controllare i risultati - valutare il progresso

Per controllare i risultati intendiamo il tener sott'occhio le statistiche non solo delle vendite mensili, ma delle vostre statistiche d'accesso ai vostri siti e delle posizioni sui motori di ricerche dei vostri siti.
Molti servizi di spazio web offrono dei software per la gestione delle statistiche che sono INDISPENSABILI per qualsiasi progetto web serio.
Con le 'stats' potete tener sott'occhio le abitudini dei vostri visitatori: vedere da dove sono venuti, dove sono usciti dal sito e dove sono andati, quanto tempo si sono soffermati, su quale pagine, quali siti hanno link al vostro, con quali termini di ricerca sono arrivati al vostro sito ecc.
Se per esempio la permanenza di molti visitatori sul vostro sito è meno del tempo che la vostra pagina index ci mette a caricare, allora avete seri problemi - la pagina index è troppo lenta ed anche qui abbiamo delle belle da raccontarvi sul nostro corso "Web Manager nr. 1- ottimizzare siti per i motori".

Aggiornare, modificare, ritoccare
Sembrerà starno a molti ma noi siamo del parere che NON NECCESARIAMENTE bisogna SEMPRE aggiornare un sito.
Detto questo... aggiornare un sito periodicamente male non farà.
Se per esempio vendete un singolo prodotto, allo stesso prezzo, attraverso i stessi canali, avete ottimizzato bene le pagine e siete ben piazzati nei motori allora a che serve aggiornare il sito ? Chi ha comperato ha comperato e se non avete nulla di nuovo da offrire è inutile cambiare l'aspetto del sito.
O no ?
Beh... parzialmente no ma se monitorate le posizioni nei motori, ed i vari scambi di link -potrebbe essere utile cambiare i keywords o aggiungere altri da tanto in tanto.
Ma potreste anche cambiare l'aspetto della prima pagina periodicamente solo per motivi strategici del tipo: se un visitatore vi ha visto 2 mesi fa, e se dopo tornerà, è probabile che ricorderà dalle grafiche vecchie che ci è già stato.
Se trova altre grafiche possibilmente non ricorderà che il sito già una volta non lo interessava e magari proseguirà a visitare il sito.

Lista di roba che potreste fare periodicamente
1. Ottimizzare le keywords periodicamente
2. Aggiungere contenuto/modificare aspetto del sito
3. Aggiornare l'inserimento manuale nei motori di ricerche
4. Aggiungere link di scambio (sempre)
5. Visitate e spedite sui newsgroup periodicamente
6. Se avete un newsletter (e iscritti a questo) - spedirlo almeno ogni 2 mesi
7. Creare un forum per chi interessato
8. Osservate la concorrenza e valutate le loro modifiche (prezzi, strategie, prodotti)

Questi compiti potrebbero consumare notevolmente il vostro tempo ma sono necessari per l'evolvere del vostro sito e per garantire il successo.
Se desiderate fare le cose per bene dovreste passare almeno 30 minuti OGNI GIORNO curando questi dettagli (circa 15 ore al mese).
Certo, sono compiti fastidiosi e vi distraggono dai altri compiti importanti ma è proprio per questo che consulenti di web marketing offrono questi servizi a costi alti a tariffe mensili.
Ed è anche per questo che il 70% di siti creati - finiscono a consumare inutile spazio web e vegetano per anni dato che i web manager non li curano.
Se avete aperto una attività - tipo un negozio che vende jeans - pagate l'affitto, magari del personale e avete delle spese. Lo curate il vostro negozio no ? SE no si chiude.
Un sito web non è molto diverso.
A voi la scelta se fate queste modifiche ed i lavori di manutenzione da soli, li fate fare al vostro junior webmaster oppure vi rivolgete ai consulenti.
Noi vi consigliamo di farli da soli o almeno internamente non solo per risparmiare ma per essere sempre aggiornati sulle strategie, strumenti ed opzioni disponibili.

Pagare i motori ? e chi sono... Bill Cancello ?
Per chi non lo sa la tendenza dei motori di ricerca, a causa fattore sopravivenza, è di offrire programmi a pagamento per far apparire il vostro sito nei loro indici.
Basta sapere che non è una soluzione così drastica come sembra ed è da valutare anche con un mini-budget SE NON VOLETE SPORCARVI LE MANI nel ottimizzare i vostri siti.
Infatti esistono programmi come gli google ad awards che vi consentono di creare e gestire una campagna pubblicitaria all'interno dei loro indici anche al costo di mezzo euro al giorno. Potete inoltre sospendere la campagna per qualche giorno o mese e poi riprendere. Questi programmi danno certe garanzie ma ovviamente le vostre pagine devono anche essere anche ben ottimizzate.
Da considerare solo se siete pigri o avete soldi che potreste comunque risparmiare con la SEO fatta da voi.

Firma del e-mail
Banale come sembra, ma molti webmaster anche quelli esperti dimenticano del tutto di includere una firma in fondo ai loro messaggi e-mail.
Non un gif cretino o uno sfondo colorato - ma del semplice testo.
Se strutturata in modo intelligente includendo numeri di telefono, svariati indirizzi e-mail, nomi dei vostri siti principali in forma completa ovvero non solo webitalia.biz ma http://www.webitalia.biz per semplificare il click all'utente direttamente dal suo e-mail client... Tutto questo è un fantastico biglietto da visita che va sfruttato e non trascurato.


Vendere in rete - E-Commerce
E-commerce è un termine generico spesso malcompreso dagli utenti e dagli stessi web master e web manager ma basta un po' di buon senso per chiarire la situazione.
Qualsiasi sito che offre prodotti o servizi a pagamento è già un sito e-commerce ma se vogliamo sintetizzare il termine arriviamo a 'transazioni di pagamenti on-line'.
Vendere un prodotto ma farsi pagare attraverso bonifico bancario (il cliente va in banca oppure fa una trasferta via telefono o internet dal suo conto al vostro) non è veramente e-commerce.
Lo stesso vale per pagamenti su consegna o tramite le poste.
Il vero significato del termine e-commerce è pagamento on-line con carte di credito o con PayPal ecc.

Per cui possiamo fare una netta divisione tra pagamenti con carte di credito ed altre forme di pagamento.
Il primo metodo, con carte di credito esige criteri molto rigidi imposte dalle banche e dalle società delle carte di credito e coinvolge anche una certa condizione della vostra struttura o della vostra società.

Pagamenti e vendite con Carte di Credito
Per essere in grado di ricevere pagamenti con carte di credito dovrete subire vari controlli, dare prova della vostra affidabilità e se non avete una società che opera già da diverso tempo sarà più difficile.
Ci sono delle società specializzate in offrire questi servizi per conto vostro ma le loro percentuali sono piuttosto alti, col vantaggio però che potete essere un chiunque.
Tra alcuni vengono in mente ccbil ed iBill.

In italia uno dei giocatori principali per vendite on-line è la Banca Sella che offre soluzioni di allacciamento tramite il loro sito per le verifiche delle operazioni e le minime condizioni sono che avete una partita IVA.
Tecnicamente non è difficile ma è consigliabile avere a disposizione conoscenze medie di scripting del tipo PHP e/o Perl.

Nel settore "Cerco Lavoro " su questo sito troverete link e contatti utili a webmaster che sono specializzati anche in questo settore.

Altri metodi di pagamenti - Tramite posta o banca manualmente
Questi tipi di pagamento sono più semplici da gestire ma vi consigliamo di sentire il vostro commercialista sulle opzioni e se la vostra società, o voi come entità commerciale potete essere abilitati.
Se lo siete non è difficile farlo.
La differenza tra i pagamenti con carte di credito e quelli standard è che pagando tramite posta o banca non è così immediato ed il potenziale cliente potrebbe cambiare idea nell'arco del tempo tra aver visto il vostro sito e doversi recare in posta. Mentre che con le carte di credito il cliente potrebbe pagare 'nel momento' mentre che si trova sul vostro sito, e ha anche il vantaggio di non dover fare file in banca o posta, ma con lo svantaggio che si ha sempre un po' di premura usando la carta di credito in rete.
Inoltre molti non hanno la carta di credito per cui se offrite pagamenti con carte di credito valutate seriamente anche di aprire un conto Banco Posta per non perdere altri clienti.

La procedura complessiva di offrire qualcosa commercialmente in rete è
1). Creare un sito ed attirare il visitatore
2). Il sito è ben disegnato, chiaro, veloce ed incoraggia il navigatore a rimanerci
3). Il sito introduce i prodotti o servizi e guida il navigatore al settore della transazione in modo semplice
4). Il sito offre rassicurazioni e garanzie per l'acquirente - insomma offre 'fiducia'

Per concludere questo settore vi suggeriamo seriamente di adoperare il NeuroThinking per gestire tutti questi aspetti promozionali per il vostro progetto web. Il NeuroThinking è uno strumento 'logistico' applicabile a progetti web ma anche a qualsiasi compito che dovete affrontare nella vita reale. Il NeuroThinking è spiegato sul corso:
'Web Manager nr. 1 - ottimizzare siti per i motori'

  ©2000 -2020 Digitaly - Pete da Beat  

site map